Blog: http://circleoflife.ilcannocchiale.it

Affidamento

L’altro giorno all’ora di cena, facendo zaping in tv, ci siamo imbattuti nel secondo dei tre film della serie “il signore degli anelli”, Le due torri. Anche se era perlomeno la 356 o 357sima volta che lo vedevamo, abbiamo lasciato lì. E per l’ennesima volta mi sono trovata a riflettere su un pezzo della storia che si comprende bene solo leggendo tutta o almeno buona parte della letteratura di Tolkien.

All’inizio del mio blog ho accennato di aver fatto parte di quel gruppo che ora i media definiscono, ingiustissimamente a mio modesto parere, psicosetta: Arkeon. Una delle critiche che ho letto in giro muovere a questo gruppo riguarda la presunta sottomissione delle donne ai propri compagni. Qualche favorevole tempo fa aveva anche provato a spiegare che in realtà si parla di affidamento, non di sottomissione; e che le due cose sono assolutamente diverse.

Tornando al film di cui sopra, o meglio, alla letteratura tolkiniana, non riesco a non rimanere colpita dalla storia d’amore tra Aragorn, uomo, e Arwen, elfa. All’apparenza una normale storia d’amore. Solo che lei per essere con lui sceglie. E fa una scelta importantissima: quella di rinunciare alla sua immortalità per essere accanto all’uomo che ama. E prima di lei, leggendo anche il “Silmarillion”, lo fanno altre due elfe.


Voi questa la chiamereste sottomissione? Per me questo è puro affidamento.

Pubblicato il 8/7/2008 alle 16.27 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web