.
Annunci online

vita familiare
19 marzo 2009
Auguri a tutti i papà

Talvolta mi capita di lamentarmi di essere finita a vivere in un paesino del sud, per molti versi retrogrado e con una mentalità ancora chiusa. Ma ci sono anche aspetti positivi in questo. Qui ad esempio non siamo ancora arrivati a quanto raccontato da un arkeoniano, come ricordavo rispondendo a un post di questo blog.
Qui la festa del papà è ancora sentita, così come è sentita la figura di San Giuseppe
.
Qui nelle scuole le insegnanti ancora fanno preparare il lavoretto per il papà e insegnano agli alunni una poesia per la ricorrenza.
Certamente anche qui al sud si va verso la tendenza ad eliminare il padre. Ricordo alcuni anni fa, quando nostro figlio maggiore frequentava ancora il nido. Avevano organizzato una festa serale per papà e bambini. Beh! Mio marito mi raccontò che a quella festa erano presenti anche molte mamme insieme ai loro mariti. Praticamente una forma di controllo sul rapporto padre-figlio.
Ma per fortuna ancora rimane molto, qui, della figura paterna.
Nostro figlio maggiore era felicissimo questa mattina di andare a scuola per ultimare il lavoretto da consegnare al suo papà e ripassare la poesia. Nostra figlia purtroppo in questi giorni è influenzata e a scuola non va, il regalo al papà lo ultimerà e consegnerà in ritardo ma con il cuore glielo ha già consegnato.
E anch'io, nonostante non sia una bambina, ho fatto gli auguri oggi al nonno dei miei figli.
Volevo riservare un pensiero a tutti quei papà che sono lontani dai propri figli. Sia fisicamente
[1], sia solo con lo spirito, con il cuore.                                                             



[1] E’ il caso ad esempio di un mio cugino, che ha avuto un bambino con una donna straniera, la quale poi ha pensato bene di portare il bimbo nel suo paese natale e non farlo più vedere al suo papà.

15 luglio 2008
Ma come sono nati questi qui?
Come molti loro coetanei, anche i nostri cuccioli amano i cartoni. Tra i loro preferiti vi sono i classici Disney. Alcuni, soprattutto i più recenti, confesso che piacciono molto anche a noi genitori, in particolare quelli incentrati sul rapporto genitori-figli o, più specificatamente, padre-figlio. Rientrano tra questi cartoni quali Il re Leone o Alla ricerca di Nemo.
Attualmente, tuttavia, i cartoni che i nostri pargoli gradiscono maggiormente sono l'intera serie di Winnie the Pooh, di cui hanno quasi tutti i dvd, e la serie in onda su Rai2 la mattina,dal titolo La casa di Topolino.
Ora, se da un lato è evidente che questi due cartoni hanno un linguaggio semplicissimo, adeguato a bambini in età pre-scolare, dall'altro papà e mamma si sono posti parecchi interrogativi.
E' possibile che nessuno dei personaggi di Winnie the Pooh abbia un papà? E che solo il piccolo canguro abbia una mamma (il cui marito nonchè padre del piccolo si ignora chi sia)? E' possibile che nessuno dei personaggi, tutti maschi se si eccettua la mamma cangura, abbia una fidanzata o comunque una qualche simpatia femminile? E che a San Valentino i regali se li facciano tra maschi? E questo nonostante le canzoncine di sottofondo parlino continuamente di amore e sentimenti. Ovvio che anche l'amicizia è un sentimento nobilissimo ma mi domando se tutto ciò non contribuisca a confondere le idee ai bambini.
Nella serie la casa di Topolino ritroviamo i vari personaggi dei fumetti, anche se un po' diversi da come siamo abituati a leggerli, sicuramente uno stile più divertente e adatto a bambini sotto i sei anni. Ammetto che anche tutt'ora, alla mia età, mi diletto ogni tanto a leggere i fumetti con le storie di Topolino e Paperino. In fondo sono rilassanti e sono l'ideale quando, ad esempio, devo fare la fila dal medico o mi trovo su un treno o un autobus e non voglio impegnare la mente in letture più complicate (l'alternativa sarebbero le riviste gossip  ).
Ma fin da bambina mi chiedevo: chi sono i genitori di Paperino? Chi sono i genitori di Minnie? E perchè Qui, Quo e Qua vivono con lo zio? Perchè tutti questi zii e nessuna mamma o nessun papà? Ok, se si fa una ricerca in Wikipedia si trova tutto l'albero geneologico della famiglia dei Paperi e dei Topi. Ma la domanda mi rimane. Va bene, Qui, Quo e Qua sono figli della sorella di Paperino, Delia, se non ricordo male, la quale li spedisce a vivere per un certo periodo dal fratello poichè i tre monelli hanno mandato il loro papà all'ospedale per avergli fatto scoppiare un petardo nelle vicinanze. Ma anche su Wikipedia viene detto che il nome del papà dei tre non è mai specificato. E in ogni caso, da allora non è mai guarito?
Del resto la mia personalissima e contestabilissima opinione è che Disney avesse, concedetemi un termine preso in prestito ad Arkeon, un processo con suo padre. Prendiamo ad esempio un cartone datatissimo come Bambi. Bambi ha un rapporto stupendo con la mamma che, purtroppo, ad un certo punto della storia, lo lascia. Ma la domanda che mi pongo è: come mai il papà di Bambi non vive con il resto della famiglia? E perchè, la prima volta che Bambi lo incontra, sua madre non gli spiega che quello è il suo papà ma ne decanta semplicemente le lodi ("è il cervo più rispettato della foresta")? Nel sequel uscito a distanza di molti anni, dopo la morte di Disney, si ovvia un po' a questa lacuna e l'intero cartone è incentrato sul rapporto tra Bambi e suo Padre.
Ma anche quando Disney era già morto ci sono cartoni in cui si nota l'assenza del Padre. E' il caso, ad esempio, degli Aristogatti. Tre deliziosi micetti che vivono in compagnia della loro splendida mamma ma di cui ignoriamo chi sia il Papà. Forse Duchessa è vedova o forse è una "ragazza-madre", questo non ci è dato di saperlo. Ma cosa avviene nel momento in cui incontra l'amore? Vorrebbe rinunciarci, per non abbandonare la sua padrona, colei  cioè che nel suo vissuto rappresenta sua madre.
In La carica dei 101, invece, nulla da dire riguardo Pongo e Peggy, genitori ineccepibili. Ma mi domando come mai Rudy e Anita, piuttosto che preoccuparsi dei loro cani, non pensino a mettere al mondo loro un figlio. Per fortuna a questo lacuna si rimedia anni dopo, nel remake con gli attori in carne e ossa.
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE